domenica 1 luglio 2018

PROPOSTA, PROVOCAZIONE, PROGETTO O PENSAMENTO? Fotograficamente esponendo a... Jinan - Roma - Grotte - Palermo










Per una Proposta ai Sindaci di Grotte e Palermo
 Ai rispettivi Assessori alla Cultura

In omaggio all'importanza della iniziativa e alle origini grottesi di Athos Collura ma di formazione palermitana nonché al maestro Renzo suo padre, direttore per un ventennio della Galleria d'Arte Moderna di Palermo, sarebbe interessante e stimolante poter riproporre la mostra a Grotte e a Palermo dopo l'esposizione a Jinan in Cina per la Biennale 2018 e a Roma.

Tra l'altro sarebbe un omaggio alla pioniera fotografa, irlandese approdata a Montedoro, Louise Hamilton Caico, trasferitasi a Palermo, che tra la fine dell'Ottocento e i primi del secolo scorso, venne avventurosamente a fotografare nelle nostre contrade e a viverci.

E chissà che le foto della Hamilton Caico, tramite il maestro Athos Collura, non possano un giorno essere esposte a Jinan, in Cina, in un dialogo sino-italiano a tutto campo nel segno dell'Ottava Arte, la Fotografia.









Palermo greca
Palermo araba 
Palermo ebraica
Palermo fenicia

LE QUATTRO P E IL LOGO DI PALERMO 2018
Capitale italiana della cultura
Dalla bacheca fb del Sindaco Orlando

Quattro P raccontano Palermo. Arabo, ebraico, fenicio e greco. La P di Palermo declinata nelle lingue di chi ha gettato le fondamenta della città. A sottolineare ancora una volta, il ruolo di capitale non solo italiana, ma del Mediterraneo, simbolo di accoglienza di culture diverse. Quattro P, perché quattro sono i Canti del Teatro del Sole, quattro le sante; quattro le lingue sulla stele della Zisa.

Arabo, ebraico, fenicio e greco. La P di Palermo declinata nelle lingue di chi ha gettato le fondamenta della città. A sottolineare ancora una volta, il ruolo di capitale non solo italiana, ma del Mediterraneo, simbolo di accoglienza di culture diverse. La giovane Sabrina Ciprì – 22 anni, palermitana, allieva dell’Accademia di Belle Arti e della cattedra di Design Grafico guidata da Fausto Gristina – firma il logo ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. Quattro P, appunto, perché quattro sono i Canti del Teatro del Sole, il cuore della città; quattro le lingue incise sulla stele conservata alla Zisa.

“In realtà questo logo è nato per caso perché non c’erano molte basi. Avevo un’idea, questo sì, ho cercato di schematizzarla il più possibile. Anche nella scelta dei colori, mi son fatta guidare dall’istinto: volevo che chiunque li guardasse, potesse immaginare Palermo. Con il mare, le cupole, le luminarie della festa, il verde, i teatri”. Sabrina Ciprì non si è fidata delle sue intuizioni e ha chiesto aiuto. “Ho mandato diverse mail – con l’aiuto e i contatti della professoressa Cinzia Ferrara – a grafici internazionali in diverse parti del mondo, chiedendo aiuto. Mi hanno risposto tutti, dandomi consigli: ho scoperto così, per esempio, che la P nella lingua araba classica non esiste, e si usa la B, ovvero quella dell’antica “Balarm”.
Altri hanno corretto sfumature, persino curve o punti. Ma su una cosa sono stati tutti d’accordo: è un logo dinamico, chi estrapola anche una sola lettera può comprendere subito l’essenza del messaggio”.
Sabrina Ciprì viene premiata con una borsa di studio di mille euro e con uno stage presso Gomez & Mortisia, che si è aggiudicata la campagna di comunicazione per l’avvio di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.











Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.