giovedì 21 settembre 2017

QUANDO HANNO AMMAZZATO PIPPO FAVA. Un ricordo con Michele Sarrica e Rosa Balistreri

Da una conversazione su Facebook




Ciao, Michele, grazie della rinnovata amicizia in fb col nuovo account


Michele Sarrica Grazie a te. Spero di leggerti spesso.




8 h
Gestire
Piero Carbone da Racalmuto buongiorno, il desiderio è reciproco



5 h
Gestire
Piero Carbone da Racalmuto ti ho menzionato l'altro giorno a Racalmuto in occasione della presentazione del libro di Fabio Giallombardo che è un estimatore e gran lettore di Pippo Fava: ho rievocato quel pomeriggio al circolo di cultura di Racalmuto dove si celebrava la prima edizione del Premio Castelluccio da te vinta, era il 5 gennaio 1984, Rosa Balistreri, ospite, era sul palco e con voce rotta proruppe in un "hanno ammazzato Peppe Fava". Da brividi. Imbracciò la chitarra e fece vibrare le corde della chitarra, le sue inconfondibili corde vocali e quelle del cuore dei presenti. Ti abbraccio. La pubblichi quella poesia con cui hai vinto il Premio?

Gestire
Michele Sarrica Grazie caro Piero per la citazione. Hai rinnovato un ricordo a me tanto caro, sia per aver vinto quella prima edizione del premio e sia per avermi fatto rivivere la struggente interpretazione di Rosa Balistreri, voce autentica e inconfondibile, persona unica e artista inarrivabile. Sarà un mio piacere pubblicare qui la poesia vincitrice. Grazie ancora e a presto.


Gestire
Piero Carbone da Racalmuto se sei d'accordo assieme alla tua poesia si potrebbe pubblicare questo ricordo in un post sul blog Archivio e Pensamenti




Gestire
Michele Sarrica Con piacere! Sei liberissimo di fare ciò che vuoi. Ne sarò felice.

Gestire
Piero Carbone da Racalmuto grazie, attendo che pubblichi la poesia

Gestire

LI SICILIANI
(A G. Fava)

La nostra storia
lamentu di canzuna
nun è chidda ca parra di cuteddi
d’onuri arripizzatu cu lu sangu
di chiummu arruffianatu cu la morti
sparatu 
ntra la macchia d’un cannitu

La nostra storia  
muntagna rusicata
nun è fatta di chiantu e di spartenzi
di valiggi attaccati cu lu spagu
di cu' pensa a jisari quattru mura
nta la vanedda ‘mpinta nta lu cori

La nostra storia  
trazzera nta li carni 
è vuci ca si sperdi ntra la notti
disìu di nun aviri cchiù patruna
ca smuncinu e si spartinu lu celu 
sta terra arrisbigghiata da lu suli

Si pruvassimu a gràpiri ‘na spica
sintissimu lu cantu di li patri
‘mpajati comu mula a lu travagghiu
tra celu e terra 
‘na fimmina p’amanti
ripetiri lu cuntu di la vita
mentri proji lu cori a li so' figghi

La nostra storia  
longa e ‘ngramagghiata
è arvulu c’aspetta nta la timpa
chiantatu e richiantatu senza abbentu
cu radici 
appuzzati ntra lu munnu.

Michele Sarrica



pubblicata su facebook



*
Nella foto, chitarre costruite nel laboratorio di Domenico Marchese a Palermo

1 commento:

  1. Ecco, caro Piero, la poesia dedicata al giornalista, Pippo Fava, vincitrice della terza edizione del premio "Il Castelluccio" svoltosi nel 1984 al Racalmuto, tuo paese natio, sotto l'egida del periodico "Malgrado tutto". Grazie per averne rinnovato il ricordo.

    LI SICILIANI
    (A G. Fava)

    La nostra storia
    lamentu di canzuna
    nun è chidda ca parra di cuteddi
    d’onuri arripizzatu cu lu sangu
    di chiummu arruffianatu cu la morti
    sparatu
    ntra la macchia d’un cannitu

    La nostra storia
    muntagna rusicata
    nun è fatta di chiantu e di spartenzi
    di valiggi attaccati cu lu spagu
    di cu' pensa a jisari quattru mura
    nta la vanedda ‘mpinta nta lu cori

    La nostra storia
    trazzera nta li carni
    è vuci ca si sperdi ntra la notti
    disìu di nun aviri cchiù patruna
    ca smuncinu e si spartinu lu celu
    sta terra arrisbigghiata da lu suli

    Si pruvassimu a gràpiri ‘na spica
    sintissimu lu cantu di li patri
    ‘mpajati comu mula a lu travagghiu
    tra celu e terra
    ‘na fimmina p’amanti
    ripetiri lu cuntu di la vita
    mentri proji lu cori a li so' figghi

    La nostra storia
    longa e ‘ngramagghiata
    è arvulu c’aspetta nta la timpa
    chiantatu e richiantatu senza abbentu
    cu radici
    appuzzati ntra lu munnu.

    Michele Sarrica

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.