giovedì 4 dicembre 2014

LA PROMESSA, COMMUTATA, DI VINCENZA






El amante español

Vicenta me prometió cuatro tallos
De su jardín cuando florecieran

No quiero la flor entera ni tampoco
El tallo, todo lo que yo quiero es
Un pequeño beso de Vicenta.






Lu nnamuratu sicilianu

Vicenza mi prummisi quattru trunza
nni l'urticieddu so  quannu 'ncumenza.

Nun vuogliu né cavuli né trunza
vuogliu na vasatedda di Vicenza.







Lo spasimante italiano

Vincenza mi ha promesso sparacelli
del suo giardino quando saran pronti.

Non voglio cavoli e manco sparacelli,
ma, da Vincenza, baci. E solo quelli.





Canto d'amore della tradizione popolare siciliana.
Mia liberissima traduzione in italiano.
Traduzione in spagnolo della mia amica Paqui López Buyo




La versione in siciliano è riportata in A lu Raffu e Saracinu. Storia pi cantastorii (Lavoro e altro nei luoghi d'acqua racalmutesi, “La Bottega di Hefesto”, Palermo 1988. Prefazione di Salvatore Pedone.

Foto ©pierocarbone

2 commenti:

  1. Ritengo che la versione migliore e più completa sia quella nella lingua Siciliana.

    RispondiElimina