domenica 31 dicembre 2017

"DECI, CIENTU CITALENI" - ESECUZIONI. La canzone dedicata al duro mondo delle miniere. Anteprima per Raina Nicolova Infantino

archivio e pensamenti: DECI, CIENTU CITALENI. La canzone dedicata al duro mondo delle miniere. Anteprima per Raina Nicolova Infantino

Post in progress
Varie esecuzioni di "Deci, cientu citaleni"



marzo 2018
L''autore e regista Mario Gaziano ha invitato in un suo programma 
 il coro per una esecuzione del canto "Deci, cientu citaleni"
 al Circolo Empedocleo di Agrigento 


31 dicembre 2017
Il gruppo folkloristico "Città di Racalmuto"
 mostra la volontà di inserire il canto "Deci, cientu citaleni"
nel proprio repertorio.

30 dicembre 2017
Esecuzione al Santuario Maria SS. del Monte per i festeggiamenti natalizi











Link correlati:
*
su you tube







29 dicembre 2017
Esecuzione dentro la  Chiesa di San Pasquale per Curtigliando



Link correlati:
*
*
***


9 dicembre 2017
Esecuzione privata dentro la chiesa di San Pasquale alla presenza di Raina Infantino








*
su you tube
https://www.youtube.com/watch?v=k3KqdprjCrE
***






STANNO ANDANDO VIA... O STANNO ARRIVANDO?




Tuoccu fittu di sturneddra...

Pari uovu... tuttu tunnu.
Su pinsera munnu munnu.




Stormo fitto di stornelli...

Sembra un uovo tondo tondo.
Son pensieri per il mondo.






ph ©Vincenza Macrì

I POST DEL MESE. Dicembre 2017

giovedì 28 dicembre 2017

GIUSEPPE MAURIZIO PISCOPO MI INTERVISTA PER SICILIAONPRESS. Tra pensamenti, sicilincónie e sicilinconìe

Vi invito a leggere l'intervista di Maurizio Piscopo





Ringrazio Giuseppe Maurizio Piscopo e SiciliaOnPress per l'attenzione mostrata alla mia attività. Un grazie a Maurizio Cacioppo per la recente foto. 

Ringrazio gli amici che leggeranno l'intervista ed eventualmente per la condivisione. 
Un sentito grazie a tuti coloro che ho incontrato nella mia vita e con cui ho vissuto esperienze comuni, accomunati dagli stessi desideri e disinteresse, come dentro un sogno.

mercoledì 27 dicembre 2017

CITALENE PER ILLUMINARE GLI ABISSI






Le "citalene" o "cituleni" svolgevano le funzioni di una moderna torcia elettrica.
Erano dei recipienti cilindrici di metallo in cui si mettevano delle "pietre" particolari, il carburo di calcio,  che si trovavano in commercio  e a cui si aggiungeva dell'acqua.
La combinazione dei due elementi produceva  un gas, l'acetilene (donde il nome citalena), che, infiammabile, era in grado di produrre una fiammella molto luminosa che fuoriusciva da un beccuccio regolabile.
Le citalene venivano usate nelle miniere con opportuni accorgimenti, ma anche per uso casalingo. Assieme alle candele e al lume al petrolio rappresentavano l'alternativa della energia elettrica di là da venire.


Deci, cientu citaleni 
Vannu muti in prucissioni.
Nun c’è santu di prigari
Vannu tutti a travagliari.

Nun su stiddri scuru scuru,
Chi s’annacanu mbriachi
Salinara surfarara
Vannu tutti a la carnàla...






testo e foto ©piero carbone
Un grazie a Luigi Trovato per i suggerimenti sulla citalena

lunedì 25 dicembre 2017

PENSANDO A TUTTI I MURI



...







BUON NATALE! Dalle mangiatoie alle carriole. Cosa cambia?


Con il moderno "presepe"

 di un amico in Facebook 

auguro quest'anno

BUON NATALE

a  voi che seguite il blog

e

a tutti




"I due sacchi di tela di Olona, in pensione da 65 anni, vengono da casa Scarlata, lo zolfo me l'ha dato la Caltabellotta Zolfi, a curriòla fa parte degli oggetti di Palazzo Sartorio, i personaggi sono della collezione privata dell'amica Anna Scarlata, l'asèna è un vano del Palazzo Sartorio.
L'idea di questo presepe l'ho focalizzata durante una notte in bianco.
Oggetti, culture, odori che costruiscono la mia idea di presepe!"


Foto e didascalia
 di Pippo Furnari di Lercara Friddi

domenica 24 dicembre 2017

IL RITORNO DI TIN... TINTINNABULA. Ieri a Burgio, presentazione del cd e del libro


Registrato dal vivo la sera del 6 agosto 2017, il concerto sui generis per campane etc etc. di Ezio Noto, diventa libro e cd grazie al sostegno di un sindaco apertissimo, Vito Ferrantelli di Burgio,  e di un dinamicissimo e lungimirante  editore, Antonio Liotta con le edizioni Medinova di Favara.

 Diventa ricordo da rivivere, ascoltando, leggendo, la splendida avventura che si è potuta realizzare con il contributo di tanti artisti che hanno spaziato originalmente, sperimentalmente, nei diversi ambiti, dalla musica al canto alla pittura alla recitazione alla danza alla fotografia sullo sfondo mitologico dell'onniavvolgente Dedalo e quello storico e accogliente di un paese detto per antonomasia "il paese delle campane" ovvero Burgio, ma ora da associare al nome di questa inedita esperienza denominata Tin...  "Tintinnabula".

























Post correlati:

*
*


Registrazione video amatoriale pubblicata su you tube
*

*
Registrazione video amatoriale pubblicata su you tube


*
Ph ©piero carbone







CHIESE DI BURGIO. SAN GIUSEPPE









giovedì 21 dicembre 2017

"I SICILIANI" AL "MAREDOLCE" DI PALERMO. Proposta di una mostra itinerante, e non solo

Dietro quelle copertine c'è un mondo

Riproduzione  copertine de "I Siciliani" su pannelli telati, 
eseguita con tecnica mista (acrilici e collage) formato 30x40cm

Il dirigente dell'Ics "Maredolce" di Palermo Vito Pecoraro

Il Dirigente scolastico con la professoressa Maria Rosaria Lo Porchio
 che ha guidato i ragazzi nella riprososizione pittorica delle copertine
















Riscontri su fb

Francesco Virga Grazie Piero!

Mi piaceVedi altre reazioni
Rispondi
1
19 dicembre alle ore 12:53
Gestire
Riccardo Orioles Grazie ragazzi!

Mi piaceVedi altre reazioni
Rispondi
1
19 dicembre alle ore 13:02
Gestire
Piero Carbone da Racalmuto Grazie a te per la preziosa collaborazione
Gestire
Fabio Giallombardo guardate che meraviglia, Pii FratelliFrancescaAndreozzi, ClaudiaAndreozzi, AlessandraAndreozzi e Cristina Fava

Mi piaceVedi altre reazioni
Rispondi
1
19 dicembre alle ore 13:35
Gestire
Piero Carbone da Racalmuto caro Fabio sarebbe bello se potessi esserci alla manifestazione di gennaio al Palaoreto per la presentazione ufficiale, tu sei in qualche modo coautore di questa idea maturata in occasione della presentazione del tuo libro a Racalmuto lo scorso settembre e sposata come ne ero sicuro con entusiasmo dalla mia scuola
Gestire
Fabio Giallombardo pietro, sarebbe un onore per me esserci, ma purtroppo per natale quest'anno rimarrò nelle Marche. A marzo però sarò in Sicilia per 10 giorni dinoresentazioni! potrei passare a trovare znche voi, se ci orgsnizziamo! 
Gestire
Piero Carbone da Racalmuto dimmi il periodo, ti metto in contatto con il collega che si occupa degli incontri con l'autore
Gestire
Fabio Giallombardo 15-25 marzo. Parto da Palerno e chiudo con Palazzolo (passando per Morreale, Terrasini, Agrigento, Ribera, Gela, Catania, Siracusa
Gestire
Piero Carbone da Racalmuto dò il tuo numero al referente
Gestire
Piero Carbone da Racalmuto e se portassi in tour con te le copertine realizzate dai nostri ragazzi?
Gestire
Lucrezia Salemi grazie

Mi piaceVedi altre reazioni
Rispondi19 dicembre alle ore 18:13
.

Il prof. Gaetano Cipolla, già docente alla St. John's University di New York nonché attuale direttore della rivista bilingue "Arba Sicula/Sicilia Dawn", che ha portato avanti varie iniziative con alcune scuole siciliane e in particolare con l'Istituto Maredolce di Palermo, ci fa sapere di avere tradotto in inglese, qualche anno fa,  l'opera teatrale di Giuseppe Fava "La violenza".

"Qualcuno a New York  - scrive il prof. Cipolla - mi chiese di tradurre sperando di poterla poi presentare off-Broadway. Non se ne fece nulla anche se io sono riuscito a far rappresentare brani dell’opera teatrale ad un convegno di Italianisti a New York. Comunque, avendo fatto lo sforzo di tradurre l’opera, ho voluto anche pubblicarla."

Il professore Cipolla, benemerito per la promozione e divulgazione della cultura siciliana in America, lamenta la poca, pochissima attenzione verso quella operazione culturale anche da questa parte dell'Oceano.

Ora, l'occasione della riproposizione delle copertine della rivista diretta inizialmente da Giuseppe Fava, ucciso il 5 gennaio 1984 per il coraggio delle sue denunce, ci sembra una buona occasione per ricordare chi si è prodigato nel promuovere il pensiero e l'opera del giornalista, scrittore e drammaturgo catanese con una significativa e generosa iniziativa editoriale.
E magari riproporre quella traduzione sostenendola con più determinazione da parte di coloro che apprezzano o dicono di apprezzare la figura di Giuseppe Fava, la sua scrittura, il suo operato.


ph ©archivioepensamentiblog