mercoledì 5 luglio 2017

UNA FOTO CON I FRATELLI MARTORELLI E I COMMENTI VENUTI DAL CUORE. Quella visita con Jean François e sua moglie



Ero andato a trovarli con i miei amici di Metz, Jean François Patricola e la moglie Florence Tonus,
per presentare loro un esempio di tradizione vivente a Racalmuto:
erano gli ultimi fabbricanti di tegole all'antica, all'antica erano pure loro
se intendiamo sentimenti stagionati di amicizia e calorosa accoglienza
come il calore del forno per cuocere le tegole che raggiungeva gli ottocento gradi. 

da fb

Commenti
Enzo Mulè E soprattutto riparano bene dalle intemperie!
Piero Carbone si aggiungeva sale nell'impasto di argilla, per farla traspirare ed "emanare" intelligenza!
Irene Milisenda quanto mi voleva bene u' zi pitrinu .... mi diceva sempre nipuuuuu maria ki si beddra .....Emoticon smile
Tommaso Rinallo La scomparsa dei fratelli Martorelli rappresenta per Racalmuto una grande perdita.
Mara Gioia Alla ricerca delle radici!
Roberto Salvo Ogni anno venivano a casa con il carretto a ritirare la paglia non utilizzata.
Piero Carbone un carretto con le ruote di gomma
Maria Concetta Rizzo in questa foto c'è pure mio zio carissimo amico dei fratelli Martorelli grazie per aver postato questa foto
Commenti
Enzo Mulè Sono convinto che vi ritorneremo.
Mi piaceRispondi4 h
Rosalba Puma "U stazzuni"... quanti ricordi mi sovvengono in mente guardando questa foto!
Mi piaceRispondi4 h
Antonella Folgheretti Mio nonno, reduce malatissimo dalla seconda guerra mondiale, si costrui' una casetta in campagna così. Per decenni fu il suo rifugio dalle pene del mondo. Vi passava qualche ora al giorno con alcuni amici e tornava rigenerato. Mi hai fatto ricordare molti begli episodi che nel 1988 purtroppo ebbero fine.
Piero Carbone sono contento per questi riscontri, quasi un effetto diapason, inconsapevole e quindi ancor più gradito
Mi piaceRispondi13 hModificato
Piero Carbone

Scrivi una risposta...
Domenico Ortolano Mi pari un viddaneddu ciao Piero. O se vuoi u signurinu nmenzu i viddaneddi
Piero Carbone Caro Mimmo, aspetto a parte, mi mancano le parole per esprimere la loro umanità, la calorosa amicizia, mi esprimo però ugualmente con l'aiuto di una facile metafora a proposito della calda amicizia: sotto la casetta che vedi c'era la fornace che raggiungeva gli 800 gradi per cuocere ben bene l'argilla: le tegole suonavano!
Mi piaceRispondi3 h
Piero Carbone

Scrivi una risposta...
Lillo SferrazzaPapa Lu stazxuni...è vero !!!
Lillo Mendola A lu stazzuni ...usava dirsi quando non si era d'accordo su qualcosa o qualcuno, in particolar modo alle richieste di denaro:-D
Concetta Rita Barbieri Sempre gentili!!
Domenico Ortolano Caro Piero è meraviglioso essere insieme a queste persone piene di saggezza e di vera sincerità e che hanno tanto da insegnarci
Piero Carbone a proposito di tegole: documenti storici addirittura:http://archivioepensamenti.blogspot.it/.../tegole-antiche...

ARCHIVIOEPENSAMENTI.BLOGSPOT.COM|DI PIERO CARBONE
Mi piaceRispondiRimuovi anteprima13 h



Nessun commento:

Posta un commento