mercoledì 14 gennaio 2015

NEL DIALETTO DI RACALMUTO, GROTTE O "RACALOTTE"?



Soffermati su callida sponda

Vòlti i guardi al nemico vicino,

Tutti assorti nel novo destino,

Certi in cor della nuova virtù,

Han giurato: non fia che quest’onta

Scorra più tra le vene straniere;

Non fia loco ove sorgan barriere

Tra  le* Grotte e Racalmuto, mai più!


...


Una d’arme, di lingua, d’altare,

Di memorie, di sangue e di cor.

Alessandro Manzoni, 1821. 
Passim. Una parodia.





nni lu paisi ddrà vicinu

Nni lu paisi di ma mà si dici sciata
nni lu paisi di ma mà si dici nnicchia.
Mai sti palori aiu sintutu diri
nni lu paisi unni iu criscivu.

Tutti li cosi annu l’antri nomi,
cancia la musica, cancia l’annacata.
Nun si chiamanu li favi cuniglieddra,
si dici strata, tanticchia, favi virdi.

Ma mà la strata di lu so distinu
si la fici unni dissiru li stiddri:
nni lu paisi ddrà vicinu.

Locandina di una presentazione del libro
 


nel paese lì vicino

Nel paese di mia madre si dice sciata
nel paese di mia madre si dice nnicchia.
Mai queste parole ho sentito dire
nel paese dove son cresciuto.

Tutte le cose hanno un altro nome
cambia la musica, cambia la cadenza.
Non si chiamano le fave cuniglieddra.
Si dice "strata", "tanticchia", "favi virdi". 

Mia madre la strada del suo destino
se l’è fatta dove hanno deciso le stelle:
nel paese lì vicino.



Pubblicata in Venti di sicilinconia, Medinova, Favara 2009. Opera vincitrice del Premio di poesia "Martoglio", Grotte, settembre 2009. Prefazione di Salvatore Di Marco




Link correlato:


L'articolo è posto per mera esigenza metrica, come un semplice suono.

Nessun commento:

Posta un commento