martedì 30 aprile 2013

AMMAZZA, CHE VIOLENZA (ESPRESSIVA)!




Una voce a distesa, quella del diretto interessato 
o di altri per lui, si staccava dal discorde sottofondo musicale all'indirizzo di un ostinato balcone chiuso:


         Quantu t'accattavu, ti vinnivu, 
                  né ci persi e mancu ci guadagnavu. 

   E ora ca finieru tutti cosi,
                 la porta è aperta e cu' ci trasi trasi.

Poi c'erano i ripensamenti:

Affaccia, bedda, di lu purtidduzzu 
ca ti dugnu la littra cu lu lazzu

lei che, facendo finta, s'infastidiva:

Chi havi stu sciccazzu ca mi raglia, 
havi la corda longa e si 'mpiduglia

e lui che irriducibilmente tornava all'attacco a protestare purezza di se timenti:

Vicenza mi prumisi quattru trunza 
nni l'urticieddu so quannu accumencia.
Nun vuogliu né cavuli né trunza, 
vuogliu na vasatedda di Vicenza.

Dai toni elegiaci, però, non si esitava a passare, con netta scansion a toni e a intenzioni più bellicose. Alcune piccole strofe, esplosive, sbalordiscono ancora oggi per la solforosa, lavica escandescenza: da rimanere, per dire l'effetto emotivo che esse possono provocare, 'ncitratidi ghiaccio. In tal caso le canzoni diventavano micidiali nel senso che facevano sempre succedere qualcosa.

Quando venne eseguito il canto che sotto si riporta, ad esempio, ne seguì una scaramuccia, pistole alle mani: il padre e i fratelli di lei accerchiarono i suonatori e li minacciarono se non la smettevano di 'ncuitaridi importunare la figlia e sorella. L'energia e la prontezza di spirito dell'innamorato «ferito» fecero sfumare onorevolmente il contrasto. 
Le passioni oltre a conferire amabilità e irruenza sembra sollecitino l'ingegno. Il fatto avvenne una fosca sera d'inverno di tanti anni fa, al Piano di San pasquale:

Quannu t'amava ti tiniva 'n-vrazza 
e ora mi sierbi pi pupa di pezza. 
Di lu to sangu nni vippi na tazza, 
cu' arriva ora si vivi la fezza.

Si comu li cannola di la chiazza, 
cu' arriva prima la quartara appuzza. 
E ti schifìu a tia e a tutta la razza, 
e di li piedi 'nsinu a la to trizza.

Ci avèratu a pinsari dda iurnata 
quann'era chiara la funtana mia. 
Ora è tutta lorda e 'ntribbulàta, 
ci vippi una cchiù meglia di tia.

Gli è che per la loro violenza espressiva, alcuni canti — non risparmiavano nessuno — non avevano da invidiare nulla ad Archiloco, l'inventc del canto popolare secondo Nietzsche. La tematica è sempre quella:

Ddu crastu di to pà ca era sbagliatu 
diciva m'avera a mìntiri ammunitu. 
Quant'ha ca un passu di cca m'ha' disiàtu, 
nun passa assa' e ti priparu lu tabutu.

Intrecciati a melodie lineari e orientaleggianti, non solo le classiche e lave, ma anche una singola quartina o un lapidario distico compendiava: una fortunosa o felice esperienza e costituivano un canto autonomo concluso. 
Nelle serenate: quando si usciva d'attùrnu«in notturna»; o sul posto di lavoro: all'àntu (in campagna); nei budelli semirischiarati delle miniere; sul carretto nelle notti senza luna; o nelle taverne durante gli schiticchi con gli amici (Schitìcchiu«sollazzevole cibarsi in più persone di buon umore, con bibita — leggi: vino — sia di giorno, sia di sera, o in citta. in villa, o per rata, o a spesa di un solo»); nelle feste e ricorrenze gioio; parole e melodie venivano replicate, macerate, fino all'assillo, fino alla decantazione e alla catarsi:

E mi nn'a iri di stu paisazzu,
cu li 'nfami e li sbirri 'un ci la puozzu.

Cumuli 'un ci nni vannu 'n-paradisu, 
san Pietru l'assicuta cu lu nasu.

Ch'è ladiu l'amuri a lassa e piglia, 
comu lu fierru 'mpintu a la tinaglia.

Ti salutu e mi nni vaiu, Cruci, 
dumani nni vidiemmu a la Matrici.


1 commento:

  1. Non ci crederai la prima volta che l'ho sentita è stata in Canada,ad Hamilton nel lontano 1985 ,recitata davanti ad un bicchiere di vino da mio cognato Carmelo Chiarelli a riprova che le tradizioni, sia pure con la lente della nostalgia,sono più sentite lontano dal Paese.Bellissima, grazie Piero per averla postata e spiegata.

    RispondiElimina