lunedì 28 marzo 2016

NOI CHIAMEREMO IPOCRITI... E venne la guerra del Vespro, nella Pasquetta del 1282

In Sicilia la Pasquetta è tante cose. 
Non solo fumo d'arrosto ma anche echi di memoria, etc. (P. C.)



Lo sbarco di Sciacca

"...Non chiameremo ipocriti dal primo all'ultimo quei trentamila fra francesi, fiamminghi e provenzali che combatterono a fianco di Carlo d'Angiò, quei guelfi italiani che seguirono le sue bandiere, quelle centinaia di migliaia di uomini e di donne che, di qua e di là delle Alpi, aiutarono e applaudirono l'impresa. 
E che altro era questa impresa se non ladroneggio in grande, aggravato da migliaia di omicidi? 
Qual confessore cristiano avrebbe potuto assolvere chi vi mise le mani?

Carlo sconfisse e ammazzò Manfredi, s'insignorì del reame senza grave contrasto senonché, entro un anno, i ghibellini ripresero animo dalle Alpi sino al Lilibeo e possiamo dire fino a Tunisi, donde mossero, per iniziativa dei ghibellini, circa ottocento fra spagnoli, tedeschi, africani, toscani e siciliani.

Essi, sbarcati a Sciacca (1267) sollevarono tutta l'Isola mentre Corradino veniva dalla Baviera con un forte numero di cavalli tedeschi e perfino la città di Roma si schierava con lui. 
Il valore francese trionfò nuovamente (1268) nella battaglia detta di Tagliacozzo: la Sicilia fu domata dopo fierissime vicende. 
Seguirono supplizi, confische, caccia ai ribelli mentre spie e traditori invasero i domini di re Carlo dai due lati dello stretto. 
La vittoria francese fu deturpata da atti di efferata crudeltà, di quelli che i popoli non dimenticano mai.

Farò cenno soltanto di tre; 
primo... *
secondo... *
terzo: Corradino, poi, giovanetto di sedici anni, fuggito dopo la sconfitta, tradito, preso, è condotto al supplizio in piazza del mercato di Napoli.

Era la prima volta che l'Europa cristiana vedeva cascare sul palco la testa di un re: e avvenne per comando di un altro re e con la connivenza di un vicario di Cristo!"

TRATTO DA: "Il vespro siciliano", di Michele Amari;
a cura di Lorenzo Marinese; Universale economica (Serie letteratura, volume VI); Milano, 1949
CODICE ISBN: informazione non disponibile
1a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 12 dicembre 2007
Editoria, Web design, Multimedia
http://www.e-text.it/
LICENZA: questo testo è distribuito con la licenza specificata al seguente indirizzo Internet: http://www.liberliber.it/biblioteca/licenze/


Link correlato

http://www.treccani.it/enciclopedia/vespro-siciliano_(Enciclopedia-Italiana)/


*
Mi astengo dal far eco alle efferatezze descritte, ma ne sono sempre avvenute, purtroppo. Ovunque. La storia dell'umanità ne è costellata.
Né le efferatezze di ieri (testimoniate financo dai testi sacri) giustificano quelle di oggi.

1 commento: