mercoledì 3 settembre 2014

CANUSCIVU UN POETA SCIACCHITANU


Conoscevo di Vincenzo Licata Lu schiticchiu e Lu casu di Sciacca, ma Vintuliàta di marina credo renda più intimamente la sua personale "voce" di poeta permeata dalla solare bellezza e dal vissuto di una Sciacca marinara.







                                                                                                                                   A Ignazio Navarra,

che mi ha regalato Vintuliàta di marina 

                                                                                                   del poeta Vincenzo Licata.



Canuscivu un poeta sciacchitanu,
Quannu lu lieggiu m’arricriju lu cori:
Parla di varchi a mari e di quaètri
Di marinara ca vannu a piscari
Tutti mpastati di sali e burrasca,
Parinu turri, si la draunara
nun li sbattulìa comu hiusca,
preganu, allura, santìanu forti
e c’è cu nginucchiuni malidici:

-       Nfami lu mari, sì, nfami lu ventu!
-       Sia lodatu lu Santu Sacramentu!

E mentri la varcuzza scinni a picu,
Ca si l’agliutti lu putenti mari,
Lu pueta talìa e conza rimi,
cunta li stiddri mentri pista rina,
scrivi na cosa dunci, ammmeci è amara:
La vita… vintuliàta di marina

Zaccanello, 24-31 agosto 2014

© Piero Carbone



Ho conosciuto un poeta sciacchitano,
Quanto lo leggo si ricrea il cuore:
parla di barche a mare e di gabbiani,
di marinai che vanno a pescare
tutti impastati di sale e burrasca,
sembrano torri, se la tormenta
non li sbatacchia come fuscelli,
pregano, allora, bestemmiano forte
e c’è chi ginocchioni maledice:

-       Infame il mare, sì, infame il vento!
-       Sia lodato il Santo Sacramento!

E mentre la barcuccia cola a picco
Ché se l’inghiotte il potente mare,
il poeta guarda e lima rime,
conta le stelle ma calpesta sabbia,
scrive una cosa dolce e invece è amara:

La vita… una brezza di marina.

© Piero Carbone


Avrebbe scritto sempre di mare e "marinara"





Video
Ignazio Navarra allo "Zaccanello", una contrada dell'entroterra agrigentino




Nessun commento:

Posta un commento